Basta Bufale. Lo Spi aderisce all’appello per una corretta informazione

Basta Bufale. Lo Spi aderisce all’appello per una corretta informazione

24 marzo

Essere informati correttamente è un diritto. Essere disinformati è un pericolo.

La Presidente della Camera Laura Boldrini sta combattendo da molto tempo una battaglia contro le bufale sul web che creano confusione, generano paure e alterano la discussione pubblica. Lo Spi ha deciso di aderire all’appello perché crede sia giunto il momento di mobilitarsi tutti assieme contro la disinformazione e per tutelare la libertà e la dignità di tutti coloro che utilizzano il web.
“Internet e i social network sono strumenti importanti. Ci permettono di restare in contatto con tante persone e di ampliare le nostre conoscenze. Ma bisogna saperli usare bene e saper distinguere i contenuti. Girano tante bufale, informazioni non corrette create ad arte per fare confusione e molto spesso anche per diffondere paura, odio e intolleranza”. Così il segretario generale Ivan Pedretti sul suo profilo Facebook. “Cascarci è molto facile – aggiunge Pedretti – soprattutto per chi è anziano e ha poca dimestichezza con la tecnologia. Per questo ho aderito con convinzione all'iniziativa promossa dalla Presidente della Camera Laura Boldrini #BastaBufale e ho sottoscritto l'appello perché nel nostro paese si diffonda un'informazione corretta. Vi invito a farlo anche voi”.

Ecco il testo dell’appello
Il web è un importante strumento di conoscenza e democrazia. Ma spesso anche luogo di operazioni spregiudicate, facilitate dalla tendenza delle persone a prediligere informazioni che confermino le proprie idee. In rete sono nati fenomeni nuovi, come le fabbriche di bufale a scopo commerciale o di propaganda politica e certo giornalismo “acchiappaclick”, più interessato a incrementare il numero dei lettori anziché a curare l’attendibilità delle fonti.

Le bufale creano confusione, seminano paure e odio e inquinano irrimediabilmente il dibattito.

Le bufale non sono innocue goliardate. Le bufale possono provocare danni reali alle persone,come si è visto anche nel caso dei vaccini pediatrici, delle terapie mediche improvvisate o delle truffe online.

Questo è il tempo della responsabilità. È necessario mobilitarsi, ciascuno di noi deve fare qualcosa per contrastare la disinformazione e contribuire a tutelare la libertà del web e la dignità di chi utilizza questo spazio che offre enormi opportunità culturali, relazionali ed economiche.

Non si tratta né di bavagli né di censure. Si tratta di reagire e affrontare un problema che ci riguarda tutti. Firmare questo appello significa fare la propria parte e dare il proprio contributo.Alcuni ambiti, poi, sono più esposti di altri e hanno una maggiore responsabilità: la scuola in primis, ma anche l’informazione, le imprese, i social network. A chi vi opera chiediamo uno sforzo aggiuntivo.

Firma l’appello

DIPARTIMENTO
organizzazione

Pensione di cittadinanza: ecco perché la riceveranno in pochi

L’Inps aveva ipotizzato che ad accedere alla pensione di cittadinanza sarebbero state 250 mila famiglie, il Ministro del lavoro Luigi Di Maio ne aveva annunciate 500 mila: non sarà così, saranno molte meno. I paletti per accedere all’integrazione sono molto più rigidi di quelli propagandati e sostan…
→ Continua la lettura

Pensione di cittadinanza: ecco perché la riceveranno in pochi

Ciao Tina, staffetta partigiana

Ci ha lasciati oggi Tina Costa. Classe 1925 e antifascista fin dalla nascita. Coraggiosa staffetta partigiana ha rischiato la propria vita per consegnare borse, aiuti e viveri ai combattenti della Linea Gotica. Tina ha portato avanti con straordinario impegno la sua militanza politica e…
→ Continua la lettura

Ciao Tina, staffetta partigiana