20 Marzo Giornata Mondiale della Felicità. Secondo il Rapporto Mondiale sulla Felicità, la Finlandia è il Paese più felice del mondo. L'Italia è 47esima.

20 Marzo Giornata Mondiale della Felicità. Secondo il Rapporto Mondiale sulla Felicità, la Finlandia è il Paese più felice del mondo. L'Italia è 47esima.

20 marzo

Il 20 marzo di ciascun anno si celebra in tutto il mondo la giornata internazionale della felicità. È stata istituita dall'Assemblea generale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite (Onu) il 28 giugno 2012.
La risoluzione A/RES/66/281 dell'Assemblea dell'ONU, stabilisce che: “L'Assemblea generale [...] consapevole che la ricerca della felicità è uno scopo fondamentale dell'umanità, [...] riconoscendo inoltre un approccio più inclusivo, equo ed equilibrato alla crescita economica che promuova lo sviluppo sostenibile, l'eradicazione della povertà, la felicità e il benessere di tutte le persone, decide di proclamare il 20 marzo la Giornata Internazionale della Felicità, invita tutti gli stati membri, le organizzazioni del sistema delle Nazioni Unite, e altri organismi internazionali e regionali, così come la società civile, incluse le organizzazioni non governative e i singoli individui, a celebrare la ricorrenza della Giornata Internazionale della Felicità in maniera appropriata, anche attraverso attività educative di crescita della consapevolezza pubblica.
Secondo il Rapporto Mondiale sulla Felicità 2018 dell’Onu, recentemente pubblicato, la felicità è di casa in Nord Europa: il Paese più felice del mondo è la Finlandia, che ha scalzato dal primo posto sul podio la Norvegia (detentrice del primato lo scorso anno e adesso ‘solo’ medaglia d’argento) e la Danimarca. E poi ancora: Islanda, Svizzera, Olanda… Dobbiamo arrivare al settimo posto per trovare una nazione extra-europea: è il Canada e poi, in un’alternanza tra Nord e Sud del globo, Nuova Zelanda, Svezia e Australia a chiudere le prime dieci. L’Italia è quarantasettesima (dopo la Tailandia): un piccolo miglioramento, visto che lo scorso anno si posizionava al 48esimo posto. Chiude la classifica che misura il livello di felicità degli abitanti di 156 Paesi del mondo l’Africa più profonda: Sudan, Repubblica centro-africana e, ultimo tra gli ultimi, il Burundi.

Il World Happiness Report è un'indagine storica sullo stato della felicità globale.
Il World Happiness Report 2018, classifica 156 paesi per il loro livello di felicità e 117 paesi per la felicità dei loro immigrati. Le classifiche generali della felicità del paese si basano sui risultati aggregati dei sondaggi Gallup World Poll del 2015-2017 e mostrano sia il cambiamento che la stabilità. Tutti i principali paesi tendono ad avere valori elevati per tutte e sei le variabili chiave che sono state trovate per sostenere il benessere: reddito, speranza di vita in buona salute, sostegno sociale, libertà, fiducia e generosità.

Mentre il welfare del Nord Europa si conferma una culla comoda per coltivare la felicità e il benessere degli abitanti, il report testimonia le difficoltà degli Stati Uniti (solo al 18esimo posto, meno 4 posizioni rispetto al 2017), dell’Inghilterra (19 posto, i “cugini” irlandesi sono al 14esimo) e di altre “grandi paesi” come la Germania (15esima), il Giappone (54esimo posto), la Russia (59esimo) per non parlare della Cina (86esimo posto: il report dedica un capitolo ad hoc alla massiccia immigrazione interna, dai villaggi alle città, nel Paese asiatico). Come tutti i report generali, anche il Rapporto Mondiale sulla Felicità ha i suoi limiti. Di sicuro ha un pregio: ci ricorda che la felicità è uno degli scopi fondamentali dell’umanità. Lo dice l’Onu che, accogliendo il suggerimento del re del Buthan, “il regno della felicità”, il primo Paese a considerare la felicità dei suoi abitanti uno degli obiettivi di governo, come ricordato, ha stabilito nel 2012 la Giornata Internazionale della Felicità.

Il rapporto 2018 non si è limitato a misurare i fattori di benessere delle nazioni (salute, istruzione, lavoro), ma anche quelli relativi all’inclusione, focalizzandosi sul tema dell’immigrazione e della felicità degli immigrati nei Paesi considerati. Sorprese? No. Lo spiega bene il professor John Helliwell dell’Università della Columbia Britannica, tra i curatori del rapporto prodotto dal network SDSN delle Nazioni Unite e dalla Fondazione Ernesto Illy (scaricabile interamente qui): “Il dato che colpisce di più in questo rapporto è la generale corrispondenza tra la felicità degli immigrati e quella degli abitanti. I primi dieci Paesi della classifica 2015-2017 sulla felicità complessiva si collocano anche nei primi 11 posti della classifica sulla felicità degli immigrati. Sebbene gli immigrati provengano da Paesi con livelli di felicità molti diversi tra loro, i giudizi che emergono dai sondaggi sulle loro vite tendono a convergere su quelli degli altri residenti dei loro nuovi Paesi”.

Cinque dei sette capitoli del rapporto si occupano principalmente di migrazione. Per entrambi i migranti nazionali e internazionali, il rapporto studia non solo la felicità dei migranti e delle loro comunità ospitanti, ma anche di coloro che sono rimasti indietro, sia in campagna o nel paese di origine. I risultati sono generalmente positivi. Forse la scoperta più sorprendente dell'intera relazione è che una classifica dei paesi secondo la felicità delle loro popolazioni immigrate è quasi identica a quella del resto della popolazione. Le classifiche sulla felicità degli immigrati sono basate sull'intero arco dei dati Gallup dal 2005 al 2017, sufficienti per avere 117 paesi con più di 100 intervistati immigrati. I dieci paesi più felici nella classifica generale sono anche dieci dei primi undici posti nella classifica della felicità degli immigrati. La Finlandia è al vertice di entrambe le classifiche in questo rapporto, con gli immigrati più felici e la popolazione più felice in generale. La vicinanza delle due classifiche mostra che la felicità degli immigrati dipende prevalentemente dalla qualità della vita nei luoghi in cui vivono ora, illustrando un modello generale di convergenza. La felicità può cambiare, e cambia, secondo la qualità della società in cui vivono le persone. La felicità degli immigrati, come quella dei nati a livello locale, dipende da una serie di caratteristiche del tessuto sociale che si estende ben oltre i redditi più elevati tradizionalmente pensati per ispirare e premiare la migrazione. I paesi con gli immigrati più felici non sono i paesi più ricchi, ma i paesi con un insieme più equilibrato di supporti sociali e istituzionali per una vita migliore.

Benché la convergenza verso i livelli di felicità locali sia piuttosto rapida, non è completa, in quanto vi è un effetto "impronta" basato sulla felicità in ciascun paese di origine. Questo effetto varia dal 10% al 25%. Questo effetto di impronta, spiega perché la felicità degli immigrati è inferiore a quella dei locali nei paesi più felici, mentre è maggiore nei paesi meno felici.

Una percentuale molto elevata delle differenze internazionali nella felicità degli immigrati (come mostrato nel Capitolo 2), e dei guadagni di felicità per i singoli migranti (come studiato nei Capitoli 3 e 5) sono così spiegati dalla felicità locale e dalla felicità del paese di origine. La spiegazione diventa ancora più completa quando si tiene conto delle differenze internazionali in un nuovo indice Gallup di accettazione dei migranti, basato sull'atteggiamento locale nei confronti degli immigrati, come dettagliato in un allegato al Rapporto. Un valore più alto per l'accettazione dei migranti è legato a una maggiore felicità sia per gli immigrati che per i nativi, in misura quasi uguale.

Il rapporto studia anche la migrazione rurale - urbana, principalmente attraverso la recente esperienza cinese, che è stata definita la più grande migrazione di massa nella storia. Quella migrazione mostra alcune delle stesse caratteristiche di convergenza dell'esperienza internazionale.

L'importanza dei fattori sociali nella felicità di tutte le popolazioni, siano esse immigrate o meno, è enfatizzata nel Capitolo 6, dove si trova che il rigonfiamento della felicità in America Latina dipende dal maggiore calore della famiglia e da altre relazioni sociali lì, e al maggiore importanza che le persone si attengono a queste relazioni. Il Rapporto termina focalizzandosi su tre problemi sanitari emergenti che minacciano la felicità: obesità, crisi da oppioidi e depressione. Anche se ambientato in un contesto globale, la maggior parte delle prove e delle discussioni si concentra sugli Stati Uniti, dove la prevalenza di tutti e tre i problemi è cresciuta più rapidamente e più in profondità che nella maggior parte degli altri paesi.

DIPARTIMENTO
diritti e benessere

Al via mobilitazione dei pensionati, il 1 giugno manifestazione a Roma

Tre grandi assemblee per il prossimo 9 maggio a Padova, Roma e Napoli e una manifestazione nazionale il 1° giugno in piazza del Popolo a Roma. I Sindacati Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil annunciano l'avvio della mobilitazione dei pensionati per protestare contro la totale mancanza di attenzione nei …
→ Continua la lettura

Al via mobilitazione dei pensionati, il 1 giugno manifestazione a Roma

Pensione di cittadinanza: ecco perché la riceveranno in pochi

L’Inps aveva ipotizzato che ad accedere alla pensione di cittadinanza sarebbero state 250 mila famiglie, il Ministro del lavoro Luigi Di Maio ne aveva annunciate 500 mila: non sarà così, saranno molte meno. I paletti per accedere all’integrazione sono molto più rigidi di quelli propagandati e sostan…
→ Continua la lettura

Pensione di cittadinanza: ecco perché la riceveranno in pochi